viagra generico comprare viagra cialis originale super kamagra acquisto kamagra acquisto viagra cialis generico acquisto viagra viagra donne levitra prezzo levitra generico kamagra 100 mg cialis prezzo cialis 20 levitra senza ricetta Cialisgenerico acquisto cialis cialis senza ricetta

uggs sko louis vuitton oslo nike sko polo ralph lauren dame louis vuitton norge oakley norge parajumpers norge oakley briller polo ralph lauren salg moncler jakke ray ban solbriller canada goose norge ray ban norge woolrich jakke parajumpers salg



Home Page > La nostra fondatrice > Le figlie scrivono alla Madre > Casalnuovo di Napoli 21/11/2013

Casalnuovo di Napoli 21/11/2013



Carissima Madre Clelia,

ti scrivo per la prima volta, anche se tu sai bene che ti penso e tante volte ho ascoltato e parlato di te.

Voglio chiederti una cosa: - Tu ora cosa vuoi da noi? Siamo in piena crisi! È vero, anche tu ne hai passate tante di tipo personale, relazionale ed economico.

Quando parlo di te ai bambini, rimangono colpiti dal fatto che tu abbia perso presto la mamma.

Vengono a sapere per la prima volta che una mamma può morire!

Comunque non si può nascondere la sofferenza ai bambini: essa fa parte della vita.

Un'altra domanda: - Hai voluto prima la vita religiosa o le opere?

Credo di essere quasi pervenuta alla risposta, perché rileggendo le tue lettere ho trovato che “ la via della santità fa latrare la natura”.

Per una cinquantina di volte continui con questi simili pensieri.

Ti confesso che a volte mi sono annoiata di sentirmi dire “sofferenza e sacrifici”, però avendo respirato questo clima fin dall'infanzia per me, oggi, è quasi naturale fare a meno di questo o di quello.

Ritornando all'infanzia, ti ricordi quando la mia mamma mi portò nell'Istituto Sacro Cuore di Salerno?

Tu eri là, in portineria, in quel maestoso quadro, con la mano a pugno sul tavolo, come a dire:

  • Tu a stà ccà!1

Mi accolsero le tue figlie ed io accolsi loro come famiglia.

Te lo dico piano piano, io mi sento la tua preferita, perché tu preferisci i poveri e i piccoli, capisci le loro insicurezze e paure.

Non mi vergogno della mia povertà, anzi ne sono orgogliosa perché è dignitosa.

Tu dici sempre di essere povere e con i poveri perché vuoi farci arrivare ad una piena libertà.

Il tuo cammino era un itinerario di ascetica teso a formare in te le virtù e gli stessi sentimenti di Gesù e l'identico suo desiderio di compiere la volontà di Dio.

Questa tua grande disciplina ha dato bellezza alla tua vita e ti ha fatto scoprire la grande gioia nell'amare ciò che facevi.

E se ci vuoi tutte di Dio ci vuoi anche tutte belle!

Ciao, bellezza! A presto.

Con affetto e stima

Suor Anna Teresa Durante

1 Espressione dialettale: “Tu devi stare qua!”



Torna alla pagina precedente